top
logo

Chi è online

 19 visitatori online

Archivio Museo


Marsala Viva PDF Stampa E-mail
Scritto da Totò Mirabile   
Sabato 05 Febbraio 2011 03:56

marsala viva.jpg - 13.91 Kb

ARTICOLI

Se desideri rimanere, te ne devi andare.

Questa espressione mi torna molto spesso in testa,
adesso che da 34 anni manco dalla mia Marsala.
Era il settembre del '77 quando mi arrivò la telefonata
di una scuola che mi comunicava
che c'era un incarico temporaneo per me,
una supplenza medio-lunga.
Feci le valige e nel giro di alcune ore
mi trovai dentro un treno che mi portava in Lombardia.
Era una classica giornata di sole splendente,
l'estate ancora non voleva finire.
Man mano che il treno mi trasportava
fuori dalla mia amata isola,
pensavo che quello sarebbe stato un viaggio breve,
un allontanamento di qualche mese al massimo,
un distacco temporaneo, ma non fu esattamente così.
Lasciavo alle spalle una città bellissima,
anche se sempre ricca di problemi.
Quando adesso (raramente) torno a Marsala,
ho l'illusione di "ricominciare" da dove avevo lasciato.
L'allucinazione di un esiliato.
Le persone, le cose, le abitudini che abbiamo amato,
sono profondamente cambiate.
Malinconica la cognizione di non poter vivere
il presente attorcigliandolo con il passato.
Cosa è perdurato della mia sicilianità?
La cadenza dialettale marsalese,
una certa malinconia e un delicato scetticismo.
Sono partito col primo treno,
quasi come un passeggero non autorizzato.
A salutarmi fu solamente il capostazione.
Reggevo con me gli ultimi rimasugli di passione civile.
Ora vivo in una casa lucente,
con gli alberi che mi spiano dentro la stanza.
Qui leggo della mia città Marsala;
qui sento la nostalgia di un passato troppo lontano;
qui mi rimprovero il fatto che dovevo rimanere
a soffrire con la mia gente;
qui mi viene la forzata rabbia di gridare
che la mia terra è stata sbranata da lupi cattivi,
da lestofanti travestiti da politici affaristi e malavitosi;
qui mi cullo di sogni privi di sgomento.
Caro Enzo, noi non ci conosciamo,
ma io riesco a capire i tuoi scritti
meglio di un tuo cittadino che vive nella tua stessa città.
A Marsala si è consapevoli che si vive
in uno spazio stretto e senza futuro.
A Milano si è consapevoli che si vive
in uno spazio grande e senza futuro,
 e il passato si ricorda con gioia, il mio passato".
Giovanni dalla Padania a Enzo Amato.

vai a capo
Ultimo aggiornamento Mercoledì 21 Settembre 2011 18:27
 

bottom