top
logo

Chi è online

 32 visitatori online

Archivio Museo


Cosi d'avutri tempi PDF Stampa E-mail
Scritto da Totò Mirabile   
Giovedì 25 Novembre 2010 08:00

 Poesia pubblicata dalla Casa Editrice  La Zisa Comunicazione soc. coop

Via Francesco Guardione 5/e - 90139 Palermo
P.I. 05600000821 Tel. 091.331104 - Fax 091.6127870

Distributore per la Gabrielli Editori

COSI D’AVUTRI TEMPI (di Totò Mirabile)

 E vitti li carrubi lustri nto ‘n cannistru,

na dicina di prennuli di zorbi appizzati a na canna,

li cutugna torti e pilusi dintra un panaru,

e ranati russi e spinusi ci nneranu na trentina.

 

Nespuli varvusi e azalorì ! Gridava lu mischinu.

Fìcurini gialli, virdi e russi dintra un catu,

castagni e pastiglia chi niscia di li sacchi

cu nuciddi di natali, mennuli  e fìcu sicchi.

 

Parsi allura a mia di riturnari picciutteddu

quannu cuglia li infìlamuredda a lu paisi

cu mangiati d'azzalori e mmiaculiddi

e propriu ccà, taliati runni sunnu ittati iddi.

 

Cchiù  luntanu c'era ‘na tavulata di virdura

cu finocchi ammazzunati, cicoria di li vigni,

burrani, sparaci e qualeddu virdi

mazzi d'origanu, majurana e sarvia.

 

Marva e rosmarino sciavurusu!

Ogni tantu abbanniava lu murvusu.

E cu si li pò scurdari ddi ciciri fìurusi,

ddi beddi favi chiatti e rispicchiati.

 

Ma chiddu chi veramenti nun putia pinsari

era ca stu picciutteddu aranci amari putia aviri

e quannu mi dissi: te! Piglia!

Maddunai ca erano aranci maniglia.

 

Ddru picciottu avia veramenti un beni di Diu,

tanta testa e ddri cosi d'atri tempi.

Ma chiddu c’avia veramenti, dicu iu,

era ca di li minacci ‘un ci nni futtia nenti.

 

Cu accura e affezioni prisintava la mircanzia

e quannu si fici avanti un grossu malandrinu

isò li vrazza e ci fici vidiri li mani travagghiati

stanchi e caddusi comu un poviru mischinu.

 

Cu l’occhi spirdati russi e chini di focu

lu taliò di la testa a li pedi e ci fici signu

di cangiari strata e livarisi di ddrocu

picchì iddu vinnia senza pagari pugnu.

 

Arristai sbalurdutu di ddu picciottu sfruntatu

e caminannu caminannu mi misi a pinsari

ca forsi li cosi stavanu cangiannu finarmenti

picchì li picciotti d’ora sunnu cchiù vigghianti

Totò Mirabile

vai a capo
Ultimo aggiornamento Lunedì 29 Novembre 2010 15:17
 

bottom