top
logo

Chi è online

 212 visitatori online

Archivio Museo


Oh Santu Patri di tanti grazi chinu PDF Stampa E-mail
Scritto da Totò Mirabile   
Mercoledì 18 Gennaio 2012 01:51

Oh Santu Patri di tanti grazi chinu

Oh Santu Patri di tanti grazi chinu
lu cori vostru è comu focu ardenti,
pi Vui ni fici lu Patri divinu
miraculi a li divoti genti.
 
Specchiu di virtù, candidu gigghiu,
servu di la puvirtà cchiù  dura,
datini sempri lu vostru consigghiu
pi piaciri a Dio e a la gran Signura.
 
Oh Patriarca di la carità
chi passastivu lu mari senza scantu
quannu priastivu l’Eterna Trinità,
di Calabria a la Sicilia supra lu vostru mantu.
 
Stu jornu chi passati pi la via
ciuri ci sunnu e cannili addumati,
purtativilla  ‘ncelu st’arma mia,
doppu la morti, cu li santi biati.
 
Oh Prutitturi nostru assai speciali,
santu ch’arriviscistivu li morti,
arrassatini di lu nimicu ‘nfernali
e rapitini di ‘ncelu li biati porti.
 
composta dal Prof. Lorenzo Barbara
Oh Santo Padre pieno di tante grazie
il cuore vostro è come fuoco ardente,
per Voi ne ha fatti il Padre divino
miracoli alle devote genti.
 
Specchio di virtù, candido giglio,
servo della povertà più dura,
dateci sempre il vostro consiglio
per piacere a Dio e alla gran Signora.
 
Oh Patriarca della carità
che passaste il mare senza paura
quando pregaste l’Eterna Trinità,
dalla Calabria alla Sicilia, sopra il vostro manto.
 
Oggi che passate per la via
ci sono fiori e candele accese,
portatevi in cielo quest’anima mia,
dopo la morte , con i santi beati.
 
Oh nostro protettore assai speciale,
santo che risuscitaste i morti ,
allontanateci dai pericoli infernali
ed apriteci le beate porte del cielo.

vai a capo
Ultimo aggiornamento Mercoledì 18 Gennaio 2012 01:53
 

bottom