top
logo

Chi è online

 50 visitatori online

Archivio Museo


Terzo Quarto in più PDF Stampa E-mail
Scritto da Totò Mirabile   
Sabato 15 Gennaio 2011 10:08

Terzo Quarto in più

A NIENTE E A NESSUNO

Hanno ucciso un uomo
con una super dose di droga:
a niente e a nessuno giova
e l'han portato via.
Hanno ucciso un cavallo
con una gamba fuori uso:
a niente e a nessuno giova
e l'han portato via.
Hanno ucciso una rondine
intenta a fare il suo nido:
a niente e a nessuno giova
e l'han portata via.
Hanno ucciso una tartaruga
arenatesi sulla spiaggia:
a niente e a nessuno giova
e l'han portata via.
Hanno ucciso l'aria
con ciminiere di fumo:
a niente e a nessuno giova
e l'han portata via.
Hanno ucciso un ideale
con il lavaggio del cervello:
a niente e a nessuno giova
e l'han portato via.
Hanno ucciso il paesaggio
con nuove architetture:
a niente e a nessuno giova
e l'han portato via.
Hanno ucciso la libertà
con grosse e pesanti catene
a niente e a nessuno giova
e l'han portata via.
E' arrivata la morte
con la falce in pugno
a niente e a nessuno giova
e sono stati portati via.

Totò Mirabile

AL SOLSTIZIO D’ESTATE

Il sole è rimasto sempre fermo
la terra invece oltre a girargli attorno
si avvicina fino al minimo punto
e poi si allontana fino al massimo

E quando da est sorge il sole
la terra sembra volere fare
una danza orientale con addosso
veli trasparenti e sete sopraffine

In questa danza ammaliante
trascorre inesorabile il tempo
con lo stesso identico sole
che va la sera e torna al mattino

In questo gioco snervante
il sole diventa abbagliante
e raggiunta la massima distanza
la riduce invece baciando la terra

E questo bacio appassionato
non tutti se lo possono scambiare
solo chi è veramente innamorato
al solstizio d’estate.

Totò Mirabile

ANCHE QUESTO E’ AMORE

Voglio che tu sappia
che spesso guardo la luna
sdraiato nella mia pineta,
al calduccio d’un piccolo falò
e allargando l’impalpabile cenere
con un rugoso pezzo di legna
creo giochi di fuoco
che scoppiettando
mi conducono a te
come fossero piccole navicelle
che vanno verso le tue stelle.
Mi conducono a te
scortato dalle tue sentinelle
per dirti che se a poco a poco
cessi di amarmi
cesserò d’amarti poco a poco
e se d’improvviso mi dimentichi
già io ti avrò dimenticata
perché anche questo è amore
e togliendo le mie tende
col mio carro percorrerò
altre piste per cercare altra terra.
Ma se ogni ora
se ogni  giorno  senti
che a me sei destinata
se avverti che ogni giorno
si accende un fuoco dentro di te
in me tutto quel fuoco si ripete
e anche in me nulla si spegne
il mio amore si nutre
e si nutrirà per sempre
del tuo amore.

Totò Mirabile

ASPETTANDO QUEL GIUDIZIO

La neve è scesa lenta
il vento sferzante porta un coro
di campane festose suonanti
ed improvvisamente un lamento
raccolto come fosse una preghiera
irrompe nel silenzio della sera.
La vita ci priverà a poco a poco
delle ultime cose rimaste
mentre a te bel bambinello
ti darà le prime care cose
che ti serviranno camminando
nel sentiero della tua vita.
Allora fa che noi uomini
potessimo tornare ancora fanciulli
per questa fredda notte sola
per riappropriarci di tutto  quanto
abbiamo perso in  questo percorso
e poter presentare i nostri cocci.
Aiuta questi uomini pellegrini
cosicché potremmo spogliarci
di tutte  le sofferenze della vita
e finalmente addormentarci
aspettando quel giudizio finale
che fu il fulcro della nostra morale.

Totò Mirabile

BASTEREBBE UNA LACRIMA

Son qui da solo
con i miei pensieri
e c’è tanta rabbia in me
rabbia repressa,
rabbia non sfogata.
Basterebbe una lacrima
e mi solleverei l’anima
vedrei le cose belle
che mi circondano
scoprendo ritmi nuovi.
Basterebbe una lacrima
e correrei subito da lei
lei che mi ama e io lo so
io che l’amo e lei lo sa
e tutto sarebbe sciolto.
Legando così per sempre
un sentimento bello
coronato da un bacio
lungo e appassionato
posto a suggello.

Totò Mirabile

BEDDRA MIA QUANTU SI TINTA

Picchi quannu ti toccu li  mani
mi fai piniari ca  poi t’alluntani
pigghiannu scusi e centu caluni
dicennumi ca si sutta cunfissioni.

Si tu ti putissi immaginari quantu
vogghiu beni a tia  stassi senza scantu
e sti mani friddi ti lassassi quariari
picchi nun centra nenti lu Signuri.

Beddra mia quantu si tinta
picchì affucari lu cori chi canta
e pigghia curaggiu e lassati iri
l’amuri veru s’avi a sfugari.

Ti vasassi di la matina a la sira
ma tu di mia nun ti pigghi accura
e giri ntunnu parennu ca jucassi
cu la tinturia ma comu si m’amassi.

Beddra mia quantu si tinta
tu mi  ami e iu ‘un ti rugnu vinta
perdi tempu e amuri spreccatu
amari cu ti ama unn’è piccatu.

Totò Mirabile

CAMINANNU CAMINANNU

La nostra vita è un continuu caminari
ca quasi quasi veni prima di parlari
si cumincia caminannu a quattru pedi
e poi ci si lenta senza nuddu chi nni teni.

Arasciu arasciu moviri li primi passi
cu priu di patri  matri tutti cummossi
e camina camina stu picciriddu
metti  sauti quann'é  picciutteddu.

E jennu sempri avanti st'omu beddu
va passiannu quannu è vicchiareddu
e cchiù avanti si appoia a lu vastuni
finu a quannu  'unn'ì  pò cchiunu.

E a la fini camina lentu nto tabutu
e scinni nfunnu pi essiri sipurtutu
e si putissi riturnari du campusantu
dicissi a tutti di pigghiari cantu cantu.

Totò Mirabile

CARIRI AVUTU

Caminari,  caminari,
na vita di caminari
quanti voti truppicannu
struppiarisi carennu.

Senza putiri susisi
e a stentu ripigghiarisi
e passannu lu nivuruni
appuiarimi o'n vastuni.

Arasciu arasciu tintari
sulu suliddu a caminari
e poi fari puru du savuti
cu passi longhi e avuti.

Acchianannu nfìna ncelu
e tra li stiddi vulari sulu
stannu attentu a nun cariri
picchi sta vota si po' moriri.

Totò Mirabile

CERTI AMORI

Una magica collaborazione la nostra
al fine di aggiungere un sasso al mucchio
in un continuo incontrarsi adulto
per poi perdersi e ritrovarsi ancora
complici e disincantati più che mai
ragionevolmente rassegnati per destino.

Non è nostalgia che si prova sovente
ma il ricordo antico e recente
che poi é l’impasto con cui si è fatti
e non è realtà ma invenzione reale
quindi immaginazione e fantasia
una ricetta che rende unico il miscuglio.

Spingere la realtà è da poveri illusi
perché il mondo va avanti da solo
come certi amori che non finiscono mai
perché dentro lasciano qualcosa di complicato
ma facile da intravedere materializzato
in ogni sguardo furtivo e lancinante.

Gli occhi soprattutto alcuni occhi
sono quelli che trasmettono le emozioni
e ogni sguardo non è mai quello che sembra
e spesso quel che sembra non lo è nemmeno
perché certi amori sono tanto speciali
da diventare stelle in mezzo al cielo.

Totò Mirabile

DECALOGO

Lasciati andare

donami te stessa

dammi i tuoi sguardi

concedimi le tue carezze

lasciami toccare la tua anima

accetta i miei sentimenti

accogli le mie emozioni

non respingermi

prendi le mie mani

fidati di me.

Totò Mirabile

DONNE DI MILLE COLORI

Donne belle, esili e ragazzine…
indaffarate, colte e seducenti
impulsive, tenere ed instancabili
sovente segrete e custodite.

Donne impenetranti alcune…
vissute e conosciute altre
tutte amanti del rischio
e del gioco d’azzardo.

Donne tutte intelligenti…
di elevata cultura e conoscenza
dotate di sensibilità acuta 
e di grande riservatezza.

A volte amiche generose…
persino amanti premurose
donne di grande apertura
e anche mogli privilegiate. 

Donne di mille profumi…
ognuna col suo odore particolare
emanato dal battito del loro cuore
che non é quello dei fiori.

Donne di mille colori…
castane, bionde o corvine
incapaci di scalfire le emozioni
ma che a volte lasciano il segno.

Totò Mirabile

DUE MERAVIGLIOSI
OCCHIONI  NERI FEMMINILI.

In uno stressante avvicendarsi di emozioni
scorsi sulla scrivania in  mezzo alle carte
tra tutta quella tanta ordinata confusione
un giornale che metteva in bella mostra
due meravigliosi occhioni  neri femminili.

Quegli occhi sembravano mi parlassero
e invitavano me scettico a toccarli piano
per darmi  prova  certa che  ci fossero
ma quando stavo quasi per sfiorarli
improvvisamente si accigliavano.

Così rinunciando all’invito fattomi
quegli occhi ritornavano più belli
con due labbra rosse vanto della sua bocca
e riassumevano ancora lo sguardo invitante
che poi stranamente mi ammonivano.

Allora mi venne il dubbio che fossero
i miei occhi a farmi degli  strani scherzi
e così provai a massaggiarmeli chiudendoli
tentando subito dopo a sfiorare quelli neri
che questa volta rimasero fermi sulla carta.

Totò Mirabile

E’ TUTTA NA FARSA

Passiannu passiannu pi lu cassaru
i negozi m’apparianu vistuti a festa
picchì li vecchi addobbi smossiru
e cosi novi ci nn’eranu a timpesta.

Cu curia a sinistra e cu curia a destra 
cu ia avanti sulu e cu ia comu pi darreri
cu salutava a chiddi affacciati a la finestra
purtannu borsi  chini sia dami e cavaleri.

Taliannu tuttu chistu nun capii comu mai
picchi si dici ngiru ca semu tutti scarsi?
La televisioni e li  jurnala nni cuntanu guai
dicinu ca è l’euru chi ni pigghia a morsi.

Lu veru fattu è ca hannu li borsi chini 
di cosi cari  e boni  e no di pagghia leggia
capacica accattati macari  a tri pi unu
pi poi dinchiri a matula la ranni reggia.

Mi firmai di scattu e ntisi na giornalista
ca priscialora addumannava a li passanti
c’avianu accattatu oj pi fari n’intervista
e na signura ci arrispusi ca ‘unn’avia nenti.

Du signuri rannuzzi e tutti mpupati
ci  arrispunneru subitu toscaneggiannu
ca ci avianu robbi vecchi pi la caritati
robbi usati quasi novi stavano dunannu.

Ntrunai iu e puru idda giornalista
e pinsannu ca puru chini avianu li mobili
mi stricai l’occhi pi schiarimi la vista
picchi certi cosi è megliu sentili ca vidili.

E cu prescia ca pari ca facianu na cursa
ntisi  a ddu cumpari ca ianu parlannu
Avutru chi crisi! Chista é tutta na farsa!?
Dicianu puru chissi passiannu passiannu.

Totò Mirabile

IENNU LESTU

Caminannu caminannu
arrivatu a un certu puntu
mi truvai mmezzu a na via
e propriu stancu mortu
m’assittai supra un pitruni.

Nun passava propriu nuddu
e doppu na para di mezzuri
quasi quasi veru mi scantai
nun passava propriu nuddu
mancu un cani senza patruni.

Aspittavu chi passassi quarcuno
p’addumannaricci informazioni
di ddra strata la fini nun vidia
ma vidennu ca nuddu arrivava
mi susivu e mi rimisi a caminari.

Caminannu caminannu
m’avventurai natr’anticchia
e vidia di luntanu un vecchiu
chi s’avvicinava versu di mia
dicennumi di stari beni attentu.

Nun curriri cchiùni binidittu!
Goditi sta strata chi t’arresta!
Talia quantu genti ca ci sunnu!
Accussì taliai e vitti tanti cristiani
ca prima nun vidia iennu lestu.

Totò Mirabile

IL MONDO É FANTASIA

Perché illudersi che tutto cambierà
se il mondo va come vuole lui
e che fatica a volerlo trattenere
per farlo girare come voglio io
perché  finisce che sfugge alla mia morsa
e prosegue sempre come meglio crede.

Sperare che tutto proceda bene
come se non ci fosse più il male
è la forza che mi aiuta a proseguire
invece questo è sempre presente
al di sopra di questo mondo
all’interno della nostra fragile mente.

Il silenzio più profondo é sceso
e sembra che tutto si sia fermato
solo il  mondo incurante ha continuato
senza dare segni di stanchezza
mentre a me mancano le forze
ed è lui che vince questa gara.

Una gara persa in partenza
mi predisse una vecchia arpia
e che il mondo non si sfida
lo appresi così a mie spese
perché guardandomi mi rise
dicendo che il mondo è fantasia.

Totò Mirabile

IL PRIMO VENTICELLO DICEMBRINO

Perché nascondersi dietro un leggero velo
il quale non può celare i veri sentimenti
ed è inutile stringerlo per paura che voli
tra le ali del primo venticello dicembrino.

E se ti va di ascoltarmi  proverò a spiegarti
che né velo né mantello riuscirà mai a coprirti
perché i sentimenti che pervengono dal cuore
sono vivi e palpitanti e prima o poi affiorano.

E dalle tue frasi affiora uno strano piacere
di cui non vuoi godere che  mi riempie l'anima
e  mi carica di una letizia molto particolare
e ben mi fa sperare che tu possa cambiare.

Scava dunque dentro di te per meglio capire
e se è il caso aiutati anche con le mani
affila le tue  unghie di piccola pantera nera
ma tozza le punte per non graffiarmi mai.

Totò Mirabile

IL TALLONE DI ACHILLE

Quando si vuole sembrare insensibili
non curanti delle pene sofferte dagli altri
specie quando dicono di volerci bene
si rischia di apparire vuoti e superficiali.

I capelli però sono il tallone d'Achille
perché il tempo vola come pure la tinta
smettere di sembrare sarebbe ora
perché è meglio essere che apparire.

E se istintivamente si percepisce
che qualcosa di grande ed importante
debba succedere improvvisamente
conviene cogliere al volo l’occasione.
  
Occorrono riflessi pronti per gli imprevisti
ed apprezzarne i sapori invece che i colori
serve a liberare il nostro essere dall’apparire 
e a suggellare il segreto amore di amanti.

Totò Mirabile

INCONTRARSI CON LA MENTE

Sembra assurdo
ma a volte si è costretti
a tacere il proprio amore
per conservarlo integro
senza venir meno
alle promesse fatte
e con dolci occhi
e sguardi penetranti
accendere segreti fuochi
per dire poi solo ti amo
la sola frase rimasta
che aspetta la risposta
anch’io per sempre
che con fatica
stenta ad arrivare
tutte le volte quando
il desiderio represso
sfugge al controllo
e si ricorre ai ricordi
per incontrarsi
con la mente.

Totò Mirabile

LA DAMA DEL NOVECENTO

Quando arrivò il mese di maggio
dopo un lungo torpore invernale
un impulso misterioso prese coraggio
e divenne l’obbiettivo principale.

Così mi apparve una pantera
che finalmente tolto il paravento
si fece avanti come donna vera
una giovane dama del novecento.

Una donna ricca di pazienza
piena di verità e tantissimi segreti
sui quali non canta e non danza
svelando sentimenti infiniti.

Una donna ricca, bella e intelligente
questa semplice dama del novecento
che spesso appare sbadigliante
debitrice solo di un venti per cento.

Una piccola percentuale
che col trascorrere delle stagioni
azzererà con particolare rituale
liberandosi delle sue inibizioni.

Totò Mirabile

LA MIA COSA PIU’ BELLA

Non c’è prezzo per il mio regalo di natale
il mio regalo per natale non ha valore

non c’é negozio per il mio regalo di natale
il mio regalo per natale lo senti nel cuore

lo leggi nei miei occhi il mio regalo di natale
il mio regalo per natale lo percepisci coi sensi

sei semplicemente tu il mio regalo di natale
il mio regalo per natale sono semplicemente io

il mio immenso amore è il mio regalo per natale
il mio regalo per natale è una lacrima brillante

e quando ti chiederanno tutti insistentemente
cosa hai amato di più nella tua vita incantata

sono sicuro  che una lacrima ti solcherà il viso
e risponderai che il tutto corrisponde al  niente

e se è vero che  il niente corrisponde al tutto 
allora capiranno senza rispondere che hai amato

che hai cambiato la mia vita e mi hai insegnato
cosa voglia dire amare veramente qualcuno

restando per  sempre la mia cosa più bella
che custodirò per sempre  dentro al mio cuore.

Totò Mirabile

LA PENNA GEMELLA

Conserverò per sempre
questa elegante penna gemella
dentro il cassetto del mio cuore
per scrivere una storia d’amore.
Una storia semplice e normale
fatta di semplici sguardi
tramutati in un crescendo
volerti bene per sempre.
Una storia che vorrebbe sfociare
in un amore anche passionale
dove lei non vuole però custodire
la sua elegante penna gemella.
Una penna dal tratto pregevole
si custodisce e non la si disperde
ma lei forse per apparire insensibile
dice di volersene subito disfare.
Ma come tutte le cose belle
prima o poi si ritrovano e
figurarsi le nostre penne gemelle
dono di quel classico luogo.
Intanto la mia penna inizia a scrivere
e quando avrà finito l’inchiostro vorrà
l’aiuto della propria gemella per narrare
di due cuori che s’incontrarono tardi.

Totò Mirabile

LA POLVERE PERÒ SI LASCIA

Sollevar polveroni
nelle trazzere rurali
dove spesso si trovano
sassi alternati a grandi fossi
al passaggio di campagnole
o di gommati trattori
è divenuto un fatto naturale.

Guai a toccar i sassi
che non vanno rimossi
ed è assurdo il riparar fossi
mentre occuparsi della polvere
è una perdita di tempo
perché i gommati trattori
si nutrono di essa

Le campagnole ballerine
senza scaffe e grandi sassi
come faranno a ballare
con i loro trattori cavalieri
quelle sfrenate danze
e specialmente i balli mossi
se la musica mancasse.

Lasciar tutto come si trova
ma se costretti ad intervenire
provvedere con estrema cautela
in modo da riparar le buche
e togliere tutti i sassi
lasciando però la  polvere
per insabbiare almeno il resto.

Totò Mirabile

LA ROTA

Caminari chi fatica lu caminari
li peri l’appimu fatti pi caminari
ma natri scansa fatichi pi natura
pinsamu a ddra cosa cu primura.

Sta cosa ruzzuliava nta scinnuta
tantu ca vulia essiri puru frinata
e macari tirata  nta l’acchianata
e nta lu chianu vulia na spingiuta.

L’armala sunnu boni pi sta rota!
Dissi l’omu spertu tutta ‘na vota
avi a tirari a idda e a natri puru
facennu  iornu e  facennu  scuru.

Cu sta rota n’hamu fattu strata
a vapuri a carvuni elettrica tirata
a comegghé e cu tanta precisioni
è lu  pernu  di tutti l’invenzioni.

Totò Mirabile

LA VITA COMU UN CROCCU

Un vicchiareddu all’ummira assittatu
supra un vanchiteddu fattu di firlizza
c’un vastuni stava aspittannu appuiatu
ca vinissi cu la cavetta la so figghiuzza.

Stava sempri ddrà di la matina a la sira
e mi parìa ca iddu aspittassi puru a mia
all’ummira di ddru ranni arvulu di pira
picchì ogni tantu iu ci facissi cumpagnia.

Assittannumi d’intra ddru ran bagliu
fumannu pipa e sniffiannu tabaccu
mi parlava sempri e mi dava cunsigliu
dicennumi ca la vita è comu un croccu.

Un croccu tanti cosi avissi a supportari
ma arriva o puntu ca si stocca e cadi
cussì è la vita ca tanti iorna vidi passari
finu c’arriva la morti e nun ci su rimedi.

Totò Mirabile

LASCIATEMI FARE

Se mi lasciate fare quello che voglio io
vi giuro che farò cose grandi
ma che dico grandi anzi grandissime
occorre stabilire cosa si intende per grandi
perché per me la grandezza
può essere rappresentata da una cosa
che per gli altri è piccola
cosa è grande per me
non può esserlo per gli altri
ma a volte può coincidere
dovete avere fiducia in me
vi dico che farò cose veramente grandi
cose che non avete visto mai
non mi trattenete
la grandezza di ciò che farò sarà infinita
descriverla è impossibile
provare per credere disse qualcuno
provatemi dunque lasciatemi fare
è una vita che lo grido in giro
fin da quando mossi i primi passi
ma per evitare di cadere mi avete sorretto
volevo andare da solo in una direzione
e invece m’insegnaste che da est spunta il sole
eppure quando di sfuggita sono andato
vi ho anticipato alcune cose grandi
fatemi fare quindi ciò che voglio io
le regole le ho studiate e ora le conosco
so bene dove sono i quattro punti cardinali
proprio ora lo voglio fare
dopo non potrò più farlo
non so se ci sarà ancora tempo.

Totò Mirabile

LASSANNU NTERRA

Vulissi ca lu munnu girassi
senza fari favura a nuddu
e girannu girannu girannu
ogni tantu macari si firmassi
pi taliari ‘unnè juntu iddu
accussi cu avi marciu ncori
si facissi avanti e parlassi
picchì certi voti stu munnu
gira gira ma pari ca nni futti
e spissu ferma la so cursa
a piaciri so e di tutti chiddi
chi ci fannu bona simpatia
partennu sempri a strappu
e lassannu nterra cu ammetta.
 
Totò Mirabile

L’ERVA TINTA

L’ erva  tinta  nun  sicca  mai
si dicìa na vota senza fari pecca
ma l’antichi hannu tortu assai
picchì  ora sicca e comu sicca.

A distanza di tantu beddu tempu
li cosi cangiaru senza aspittari
e passaru ddritti comu un lampu
cu la ramigna ca si misi a siccari.

Si putissiru turnari l’antichi avi
nun cridissiru ca a picca a picca
st’erva tinta vita longa ‘unn’havi
e mpocu tempu arriva ca sicca.

Ma chi successi caà, comu fù?
N’ aspiassiru a tutti quanti natri.
Nenti successi ccà e nenti fù!
Ci arrispunnissimu sempri natri.

L’erva tinta sicca e comu sicca!
Stamu siccannu natri avvilinati
pensa si  l’erva  tinta nun sicca
fussimu tutti persi e arruvinati.

Totò Mirabile

LIBERI DI VULARI

Liberi di vulari facennu milli acrobazie
comu du ballerini chi danzanu liggeri
e si stringinu forti li manu p’acchianari
finu a quannu trovanu la fini di li celi.

E continuari sempri liberi d’acchianari
pi scopriri certi avutri munni puru tunni
e arasciu arasciu ‘n mezzu a strati novi
sentiri li provi di li stiddi cantari cantari.

E quannu lu maestru nni dissi trasiti
cantari cu iddi fu na bedda storia
la partitura era comu s’un ci fussi
picchì lu cantu lu sapiamu a memoria.

E  taliànnunni  nta  l’occhi cu letizia
mi paria ca stu maestru ti vulissi diri
ca sta sunata era dedicata propriu a tia
da parti di cu stringi ora li to mani.

Totò Mirabile

LIGGI DI MAFIA

La liggi è liggi dicianu l’antichi riali
e tutti l’avianu sempri a rispittari
pagannu tassi comu si fussi normali
ca cunn’avia sordi si l’avia a mpristari.

Chissa era la liggi a lu lustru di lu jornu
ma c’era puru chidda liggi o scuru o scuru
chi maniava tuttu chiddu chi c’era ntornu
lassannu cuntenti li rignanti e iddi puru.

E tutti accittavanu st’antica liggi d’onuri
e anchi s’unn’era stata nto libbru scrittu
li pezzi di novanta facianu iddi di preturi
aiutati di picciotti  e mafiusa di rispettu.

Un beddu  ghiornu sta liggi scura scura
ma attenzioni capiti ca pi l’epuca ca era
fu cosa bona  e a  tutti cci dava accura
però si misi ntesta di cangiari la bannera.

Fici scinniri subitu a Pipinnu Garibardi
e notti tempu a Marsala sbarcannu
cu quattro giuvani picciotti bardi bardi
la terra di Sicilia e  tutti ia liberannu.

Caminannu caminannu  caminannu
arrivau a liberari  tutti di ddri regnanti
finu a quannu a lu re novu salutannu
ci desi ncunsigna a natri e tutti quanti.

Li mafiusa furunu cuntenti di sti dicisioni
picchì nun ci paria veru c’assicutati a chiddi
s’avissiru pigghiatu mmanu tutti li questioni
e li rignanti novi avissiru fattu fari a iddi.


E cu ssà cunvunzioni sempri cchiù amara
scurdannusi ca eranu omini di rispettu
pigliaru lu mitra mmanu e lassaru la lupara
vistennusi tutti a festa pi cangiari aspettu.

E cuminciaru a futtiri a chisti e a chiddi
ammazzannu  puru a so patri e a so matri
pi na purviri ca mancu nfarina du anciddi
ma c’arruvina li picciotti e macari a natri.

E pi dda farina addivintaru tutti smorti
persiru lu sennu e traseru puru ‘nguerra
fimmini e picciriddi ca eranu sacri a tutti
s’imbriacaru e assai nni caderu nterra.

Unni sù!    Unni sù!    St’omini d’onuri?
Vinissiru puru avanti s’hannu curaggiu!
Si facissiru a canusciri di nostru Signuri!
Garibardi dissi addiu all’unnici maggiu!

Nun ci su cchiù re né marchisi e conti
ora ci su politici chi cuntanu veramenti
e lu strittu di Messina ‘unni vidi ponti
picchì a Garibardi ‘un ci nni futti nenti.

Totò Mirabile


LI TO' BIDDIZZI

Vulissi vulari supra tutta la terra
dunni putissi cantari 'na canzunedda
accumpagnannumi cu la me chitarra
e pi diri a tutti di quantu si bedda.

Li to biddizzi a mia mi fannu 'ncantari
e sti noti e sti quattru versi sunnu nenti
si lu to profiimu un pozzu cchiù scurdari,
li to occhi e la biddizza toia mpunenti.

Chi pena lu cori quannu di mia t'alluntani!
Pi nudda cosa a lu munnu tu lu poi capiri!
E s'un ghiornu avissiru a sunari li campani
sugnu iu chi mannu n'aquila pi fariti rapiri.

E tu vulannu supra la terra cu li so ali
putissi fari a mia un beddu cuntracantu
battennu a tempu lu cori a ritmu nurmali
pi fari na canzunedda d'incantamentu.

E fìnarmenti putiri affìrrari li to manuzzi
e addumanari all'orchestra senza malizia
na canzunedda chi vantassi li to biddizzi
 pi cantari ca sì l'amuri me e la me letizia.

Totò Mirabile

MIA CREATURA

Mia creatura imprevedibile
quanti segreti da svelare
e quante avventure
potresti raccontarmi
affinché io possa apprendere
le tue esperienze a me ignote
per riuscire a comprendere meglio
i tuoi mondi irraggiungibili
sia nelle forme che nei contenuti
indossando le ali del tempo
di quel tempo che un giorno
ci farà di sicuro incontrare
facendoti scoprire
che nulla è perso
quando ci si vuole bene.

Totò Mirabile

PUNTO E VIRGOLA

Volere essere di aiuto agli altri
prodigarmi sempre per il prossimo
tendere sovente la mano destra
sono cose che ho fatto spesso
ma a volte alcuni  passanti
che in verità passanti non sono
si sono persino tanto infastiditi
da non gradire nemmeno la sinistra.
  
Persino quando ho aperto
il mio cuore non sono stato capito
e spesso sono stato anche rifiutato
forse perché ho osato troppo
nel volere amare il mio vicino
che percepiva nel mio altruismo
una sorta di celato  egoismo
cioè di un tornaconto nascosto.
  
Forse era vero che volendo dare
volevo anche avere ma forse no
ma chi mi stava proprio di fronte
non poteva offrire nulla di reale
anche se alcune volte sorridendo
mi dava l’impressione di volermi
regalare i suoi momenti migliori
che tratteneva gelosamente per se.

Ed in questo struggente tira e molla
si consumò la mia grande generosità
divenendo così arido di idee speciali
conservandone però solo una bella
l’idea di quel sorriso misterioso
che é la sola cosa certa che mi rimane
perché  a quel punto finale apposto
ho aggiunto io una virgola misteriosa.

Totò Mirabile

RICOMINCIARE DA ZERO

Vorrei giungere in tempo
per salire sul primo treno
che mi conducesse lontano
dove ricominciare da zero.

Raccogliere  i cocci rimasti
e rimuovere tutti i detriti
per costruire nuove dimore
dove potere abitare sereni.

Abbattere i vecchi palazzi
affinché il soffio del creatore
mi giungesse in modo nuovo
facendomi rinascere vero.

E questa volta dalla costola
nascere una grande compagna
priva di persuasive tentazioni
che non generasse nel dolore.

Una grande donna che faccia
del compagno un grande uomo
e mano nella mano con amore
ricominciare proprio da zero

Totò Mirabile

SCIURI DI STASCIUNI

Tu sì pi mia comu
un ciuri di primavera
comu la magnolia bianca
comu l’arbicoccu rosa
comu la ginestra gialla
e comu l’erica viola.

Tu sì pi mia comu
un ciuri d’estati
comu la rosa gialla
comu lu papaviru russu
comu la campanedda
e di mia nun ti scurdar.

Tu sì pi mia comu
un ciuri d’autunnu
comu lu crisantemu
comu lu corbezzulu
comu lu ciclaminu
e comu la viola viola.

Tu sì pi mia comu
un ciuri d’invernu
comu l’acacia gialla
comu la camelia russa
comu lu narcisiu virdi
e comu lu biscus rosa.

Totò Mirabile

SEMPRE PRESENTE

Invano tento di liberarmi
da queste pesanti catene
che legano la mia mente
in ogni attimo del giorno.

Pure la notte mi ritrovo legato
e tra mille pensieri passionali
si accende un mondo a luce rossa
dove tu spesso mi hai baciato.

Le mie catene hai sciolto
e liberandomi ti sei liberata
iniziando una danza sfrenata
alla quale mi hai coinvolto.

E gira gira in quella danza
spogli delle inutili apparenze
si realizza il nostro sogno
dove tu sei sempre presente.

Totò Mirabile

SOGNANDO DI ESSERE SOLI

Oggi ti ho sognato
giovane, ricca e bella
con una chioma nera
gli occhi neri neri
e piccole labbra
color della fragola
con una rosa rossa
legata tra i capelli.

Sorridente tutte le volte
che dicevo di volerti bene
e disperato per il fatto
che solo qualche volta
mi hai dato l'impressione
di saltare oltre la barriera
infrangendo regole assurde
e promesse antiquate.

Testardo come sempre io
e pieno di coraggio
sfoderavo nel sogno
il mio fascino maschile
sbalordendoti
con i miei racconti
tanto da farti addormentare
per raggiungermi nel sogno.

E questa volta
sognando di essere soli
in quell'azzurro infinito
liberi di volare
raccolsi una bianca nuvola
per fare un paravento
dietro al quale indossare
l'abito dell'amore.

Totò Mirabile

TU SI’ PI MIA

Tu sì pi mia comu un ciuri di cardedda
bianculidda frisca frisca e tantu bedda.
Tu sì pi mia comu un ciuri di ranatu
tutta russa quannu a mia hai vasatu.
Tu sì pi mia comu un ciuri di cucuzza
quannu ti pensu vogliu la to vuccuzza.
Tu si pi mia comu un ciuri di miluna
ca mi vasi quannu nuddu sinn’adduna.
Tu si pi mia comu un ciuri di ruvettu
ca t’addisiu sempri e sempri iu t’aspettu.
Tu si pi mia comu un ciuri di percocu
picchi quannu pensu a tia pigghiu focu.
Tu si pi mia comu un ciuri di finocchi
quannu ti viu ti mangiassi iu cu l’occhi.
Tu si pi mia comu un ciuri di nuciddi
ca vulissi pi mia na ciocca di to capiddi.
Tu si pi mia comu un ciuri di menta
ca lassi sciauru quannu passi lenta lenta.
Tu si pi mia comu un ciuri chi talia
ca ti vulissi coggliri subitu sulu pi mia.

Totò Mirabile

UN MATTINO DI LUGLIO

Ricordo in un mattino di luglio
il suo giovane corpo tanto piacevole,
e la sua scandita voce incerta femminile
che usciva dalle labbra con mezzo sorriso.

Io stavo seduto facendo ingenui pensieri
come un ragazzo della mia stessa età
e quello che mi colpì subito di lei
furono i suoi occhi neri e penetranti.

Come in un fiaba con un incantesimo
illuminarono la mia vista abbagliandomi
e rinacquero occhi più trasparenti e puri,
come i nostri sogni che stanno volando via.

I nostri desideri rischiano di svanire
ma penso che occhi così non diventeranno
come pietre nell'oceano o pure illusioni
ed è difficile che mi abbiano ingannato.

Totò Mirabile

 

vai a capo
Ultimo aggiornamento Sabato 15 Gennaio 2011 10:16
 

bottom